Sogno di una notte d’inizio primavera

Sono a casa dei miei. Per non si sa quale catastrofe nucleare sono tornato ad abitare con loro, spero sia una cosa temporanea. Ma non è come casa dei miei, è mezza diroccata, vecchia, brutta. Anche se la posizione è incantevole: in cima ad una collinetta, con una vigna tutto intorno ed una vista spettacolare. L’ambiente però è tetro (più di quanto non lo sia in realtà, con quei mobili anni ’70 in noce nazionale) e l’atmosfera cupa. Per di più la mia ex camera è occupata da un biondino che avrà si e no 20 anni.

“Mamma, ma chi è quello?”

“Ma come chi è? Gnamo, è il figlio di cosa, deve fare non-so-cosa qui a Siena e sta da noi per un po’…”

Nemmeno nei sogni ascolto mia mamma quando chiacchera…

E allora io, figliol prodigo, devo dormire in una stanza che sembra a metà tra una dispensa ed una cucina, ma come caratteristica principale, direi, che non ha il tetto. Si, come nella canzone di Gino Paoli “questa stanza non ha più pareti” ed il soffitto (non so se fosse viola) no, non esiste più. Io vedo il cielo sopra a me. E pure un cielo scuro, sembra che voglia piovere. Cazspita, ma io voglio andare a letto, come faccio se piove? Va beh, ci penseremo quando mi sentirò talmente fradicio da svegliarmi…

Un momento… Chi è quest’altro ragazzino apparso dal nulla? Nonostante sembra che lo conosca, perché ci chiacchero amabilmente, non so chi sia. So solo che fuma come un turco e pippa pure.

“Ehy ma che fai? Sta arrivando la mi mamma e ti vede!”

Ma sì, chissenefrega, la mamma entra, ma non vede niente, non vede nemmeno lui, che nel frattempo si è barricato dietro a scatole e scatoline posate in fila sul suo letto. Come nella realtà la mi mamma vede solo ciò che vuole vedere. E rompe i coglioni, come al solito.

“Che vuoi mamma?”

“Niente, ti volevo dire che bla, bla, bla e bla, bla, bla…”

“Ok, ok, ok. B U O N A N O T T E ! ! ”

Andata via la mamma lui ricompare da dietro la sua trincea di cartone e continua a fare le cose di cui sopra, mentre si continua pure a chiaccherare. Ognia tanto si spoglia, mi fa vedere i suoi gioielli, con malizia. Oddio ma che ci sta a prova’? E nel frattempo l’altro biondino ci spia da dietro la porta socchiusa…

Mio Dio, che ansia terribile, ma ‘do vado io qua? Io voglio solo dormire!

Meno male che poi è suonata la sveglia… Dite che devo smettere di drogarmi?

Informazioni su Enrico*

Non sono normale, questo è poco ma sicuro. E meno male! I'm not normal, that's for sure. And thank goodness!

Pubblicato il 23 marzo 2009, in Life, Pazzi, Sogni con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 4 commenti.

  1. O di mangiare pesante… :)

  2. Forse quella tegamata di polpette diacce un le dovevo mangiare…

  3. In effetti mi ero abbastanza strafogato ieri sera…
    C’ho l’intestino al plutonio!!

  4. Le droghe in effetti fanno un po’ male, però la tu mamma l’è mitica. Io comunque faccio un sogno di questi almeno una volta a settimana. La sfiga è che poi mi sveglio e ci metto almeno due ore prima di convincermi che era solo un sogno.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: