Archivi giornalieri: 24 marzo 2009

Battaglia nell’etere

untitled3

Si sa. Ci sono cose accertate matematicamente…

1 – Se io lavo la macchina, il giorno dopo piove.

2 – Nel bagno del nostro ufficio c’è qualcuno che fa tiro a segno facendo pipì e si diverte a salire di volta in volta di difficoltà, aumentando la distanza dal wc (e se sbaglia chissenefrega).

3 – In Italia le cose non vanno come dovrebbero andare e non si sa come mai nessuno lo viene a sapere.

Proprio l’altra sera stavo gaurdando Report, dove la fantastica Milena Gabanelli ci spiegava come solo in Italia può accadere che Retequattro ancora trasmetta usando delle frequenze analogiche, occupate abusivamente. Per altro a discapito di Europa 7 e del povero Francesco Di Stefano, che aveva investito per fare una televisione a livello nazionale (in quanto aveva vinto la gara per la concessione delle frequenze nazionali) ma che ora si ritrova a girarsi i pollici e a contemplare i suoi studi televesivi spesso vuoti…

E adesso vengo a sapere (Tv Sorrisi & Canzoni docet) che Canale Italia ha appena acquistato altre frequenze che le permetteranno di guadagnare il “tasto 8” del telecomando degli Italiani e di diventare così una delle maggiori reti nazionali “a forte carattere cattolico” e che è già in trattativa per reclutare la famiglia Celentano al gran completo (Adriano, Rosita e Claudia Mori)…

Ecco, ci mancava solo questa.

Michelle Obama e l’orticello di casa (bianca)

La neo First Lady degli Stati Uniti d’America, Michelle Obama, ha deciso che le rose piantate a suo tempo da Jacqueline Kennedy per rendere omaggio alla suocera Rose Fitzgerald nel giardino della Casa Bianca non fossero sufficienti, e quindi gli ha affiancato anche melanzane e zucchine. Non pensate male, maliziosi che non siete altro, ha seminato anche peperoni, pomodori, spinaci, insalate varie e broccoli… Un vero e proprio orto in piena regola!!

Certo non sarà il massimo dello stile per una First Lady, ma è un atto che mi trova favorevole. Intanto, io sono per le vecchie e sane abitudini rurali; e poi, con questi tempi di crisi, avere il proprio orticello è rassicurante, visto che offre comunque una buona base per poter mangiare. Inoltre, va specificato che agli Americani un po’ di verdura in più non guasterebbe, visto che sono il popolo più obeso del mondo…

Brava Michelle, ora dagli sotto con la zappa e la vanga!! :-D

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: