Arrestato “Svastichella”

Hanno messo in carcere Alessandro Sardelli, detto “Svastichella”, il pregiudicato 40enne responsabile dell’aggressione ai danni di due raggazzi gay fuori dal Gay Village a Roma. Dopo lo scandaloso tira-e-molla dei giorni scorsi, l’hanno finalmente arrestato. Intanto vediamo quanto ci sta questo in carcere, poi io ora mi domando un’altra cosa… Ma possibile leggere questi commenti sul sito di un quotidiano nazionale? Non fomentano ancora di più l’omofobia??

Advertisements

Informazioni su Enrico*

Non sono normale, questo è poco ma sicuro. E meno male! I'm not normal, that's for sure. And thank goodness!

Pubblicato il 25 agosto 2009, in Life con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 17 commenti.

  1. Per me svastichella ha sbagliato ma se vedo due froci che si baciano mi viene il voltastomaco. L’omofobia viene alimentata da comportamenti omosessuali manifesti e pubblici.

  2. Lorenzo, l’omofobia viene alimentata dalla gente che parla e pensa come te: gli omofobi. Se ti viene il voltastomaco significa che hai un problema: sei omofobo.

  3. Lorenzo, sei una merda omofoba! Pensa a quanto voltastomaco fa venire agli altri il tuo modo di ragionare..
    Comunque quell’altro stronzo di svasty sarà fuori presto: ha già la seminfermità mentale come asso nella manica.

  4. Lorenzo, se vedi due froci che si baciano e ti viene il voltastomaco, vuol dire che hai qualche problema (probabilmente con la tua sessualità).

  5. Spero di non essere tacciato di omofobia ma io credo che Lorenzo abbia tutto il diritto di avere il voltastomaco se vede due froci che si baciano, i gusti non possono essere discutibili, a me piace il rognone a altri fa schifo. Ciò che nessuno ha il diritto di fare è usare violenza su altri esseri, umani o no, perchè non ne condivide i gusti, le idee, le attitudini. Questo è un comportamento bestiale. Ci sono froci molto cattivi e col testosterone parecchio alto a causa degli steroidi presi in palestra a cui magari due etero che si baciano fanno lo stesso schifo che a Lorenzo facciamo noi froci non ho mai sentito, però, che li abbiano aggrediti. Anche se detesto questa parola perchè indica la presenza di un forte fastidio, la tolleranza (l’accettazione) dovrebbe essere il modus vivendi di ciascuno.

  6. macsib, una cosa è “condividere”, altra cosa è “rispettare”. Nessuno chiede ai non-gay di fare come noi, ma “il voltastomaco”, ecco proprio “il voltastomaco” magari no…
    Non pretendo che si scatenino esultanze, balli e festeggiamenti se due uomini o due donne si baciano in un locale pubblico, vorrei solo che, come le due vecchine dello spot portoghese (lo trovate su http://femminismo-a-sud.noblogs.org/post/2009/08/26/lo-chiamavano-svastichella ) ci si stupisse del cattivo gusto nel vestire, anziché dei comportamenti erotici.
    L’eterofobia (???) viene forse alimentata da comportamenti eterosessuali manifesti e pubblici? Non mi risulta.

    Ah, massi, per chiarirsi: non è che se è dentro abbiamo risolto qualcosa. Puoi “metterli dentro tutti”, ma gli stronzi e i violenti trovano qui clima fertile per riprodursi.
    In altre parole: il magistrato ha fatto come doveva. Se qualcuno fosse intervenuto e l’avesse bloccato allora ci sarebbe stata la flagranza di reato dunque l’arresto immediato. Sono la paura e il clima omertoso a sdoganare questi soggettoni.
    E mi chiedo: com’è che se un rumeno è accusato di stuprare una ragazzina parte il linciaggio, e se pestano due froci c’è il pubblico tipo cristiani sbranati dai leoni?

  7. Si-culo capisco quel che vuoi dire ma se a uno una cosa non gli piace, non gli piace. Non puoi obbligarlo. A me chi pratica scat dà il voltastomaco, mettila come vuoi ma mi fa schifo. Può fare quel che vuole ma, permettimi, non sotto i miei occhi.
    Che l’essere considerati disgustosi sia umiliante ok ma il rispetto deve esistere da tutte e due le parti, la mia che pretende di vivere la sessualità come mi pare e quella di chi non la pensa come me, in qualunque modo la pensi.

  8. Potresti, ad esempio, non immedesimarti.
    E poi la gente non fa scat in pubblico (lasciamo stare eventuali esibizionismi o provocazioni: le persone di fatto non praticano scat in pubblico).
    La fallacia del tuo ragionamento si mostra facilmente con una generalizzazione semplice semplice:
    – non sono d’accordo con te, ma sono disposto a morire perché tu possa esprimere ciò che pensi (la tua sessualità)
    – non sono d’accordo con te, e sono disposto a morire (o a farti morire) perché tu NON possa esprimere ciò che pensi (la tua sessualità)
    E, francamente, non mi pare affatto che le due preposizioni siano in alcun modo equivalenti o accettabili allo stesso grado. Anche perché su questa linea di pensiero arriveremmo a tutelare la “libertà di censura”, dimenticando il fatto logico che la censura non è in nessun modo una forma d’espressione equivalente alle altre.
    In altri termini, un conto è mantenere il garantismo, altro garantire l’anti-garantismo.

  9. Un conto è dire che “il rognone mi fa venire il voltastomaco”, stiamo parlando di un piatto di cucina e mi sembra anche lecito dirlo (in fin dei conti è nello stomaco che deve finire), ma mica di una persona.
    Secondo me quando dici che una persona (o una categoria di persone) ti fa venire il voltastomaco o ti fa schifo, le hai fatto l’insulto più brutto che tu potessi farle, porse anche più del provare pena. Si sente proprio il disprezzo che provi nei suoi confronti.
    Magari si può provare imbarazzo, non approvare il loro comportamento, ma non schifo.
    “Fai schifo” lo potrei dire ad un pedofilo, ma a quel punto mi riferisco al reato che ha commesso, non alle sue preferenze sessuali.
    É come se dicessi “Fai schifo” ad uno con i lobi delle orecchie sformati dai piercing (come si chiamano quei cosi che ti allargano i buchi all’orecchio?). Eppure non mi piace, ma per me può fare quel che vuole, finché non lede la mia libertà…
    Lui potrebbe sempre rispondere “Ma ti sei visto??”

  10. I bambini piccoli amano giocare con la cacca. Poi i genitori gli spiegano che e’ sbagliato e che fa schifo. Come per magia, a (quasi) tutti gli adulti fa schifo giocare con la cacca.

    http://atlantix.wordpress.com/2009/08/25/il-disgusto-degli-altri/

  11. Cosa vuoi dire con “non immedesimarti”?
    Cioè che devo usare due pesi e due misure? Siccome una cosa sta bene a me allora va bene ma non va bene che ad un altro non vada bene?
    L’immedesimazione è parte integrante dell’accettazione e del rispetto degli altri. Non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te. Non esercitare violenza per imporre il tuo punto di vista ma neanche “non puoi provare disgusto (o il voltastomaco)”, il mio giudizio personale su codesto individuo poi sarà cosa che riguarda me, se frequentare, dare credito o che altro a tale elemento sarà mia scelta cosiccome sarà sua scelta frequentarmi, darmi credito etc.

    I bambini piccoli amano giocare con qualsiasi cosa. Che le cacche siano piene di batteri, quindi dannose per la salute, è innegabile. Fanno bene i genitori a farlo notare ai piccoli scattisti.

  12. Scusa macsib, ma di che stiamo discutendo?
    Ti è mai capitato di imbatterti *accidentalmente* in una coppia che fa scat? Credo di no. Parliamo per favore di cose che succedono.
    Rispetto allo scat, io suggerivo, per non disgustarti, di non immedesimarti nella scena. La pratica personalmente mi lascia del tutto indifferente, forse debolmente stupefatto.
    E con questo discorso non voglio censurare la tua *ipotetica* reazione di disgusto qualora ti trovassi accidentalmente di fronte a qualcuno che fa scat. Però, qualora ti dovesse capitare, ricordati che non sei tu a farti fare la cacca in bocca, non ti immedesimare in loro. Ce la puoi fare ;-)
    E vedrai che ti chiederai “ma che ci troveranno, poi, di erotico?”. Farai spallucce e proseguirai.
    Qualora tu, anziché rispettare, volessi capire e accettare profodamente quella pratica, allora sì, dovresti immedesimarti, empatizzare. Ma, dal momento che loro non provano alcun disgusto, non vedo come tu, immedesimato, empatico, potresti provare disgusto.

    Spiacente, ma il resto del mio ragionamento resta in piedi: chi pretende di censurare, escludere o marginalizzare non può chiedere di non essere censurato, escluso o marginalizzato. Non si può difendere o garantire una linea di pensiero che si propone di vietare qualsiasi e ogni altra linea di pensiero.

    Nella replica di lodger sostituisci “cacca” con “culo” e capirai che vuole dire (lo trovavo chiaro, ma evidentemente anche i discorsi sulla riproduzione dell’eteronormatività oramai sono autoreferenziali)

  13. Qui pro quo. “Non immedesimarti” l’avevo inteso in tutt’altro senso. Non immedesimarti generico, non specifico all’esempio che avevo già dimenticato appena scritto, tanto mi interessa l’argomento. Discetti con un mentecatto non stare a perdere tempo. Poi se vogliamo approfondire l’argomento se ne può discutere quanto vuoi ma non vedo dove stia il punto di scontro: sia io che te riteniamo che debba esserci libertà di pensiero, rispetto per gli altri, non violenza. Disturba che accetti il fatto che c’è chi la pensa diversamente da me?

    “Spiacente, ma il resto del mio ragionamento resta in piedi: chi pretende di censurare, escludere o marginalizzare non può chiedere di non essere censurato, escluso o marginalizzato. Non si può difendere o garantire una linea di pensiero che si propone di vietare qualsiasi e ogni altra linea di pensiero.”

    La replica di Lodger l’avevo ben compresa, ho infatti risposto con secca (e non capita o mal espressa, mi dolgo) ironia.

  14. Ehi, l’esempio della cacca serviva solo a evidenziare che tutti i sentimenti di disgusto (da quelli “buoni” a quelli superstiziosi) sono culturali, non istintvi. Non volevo fare pubblicita’ a una pratica, lo scat, che neanche sapevo si chiamasse cosi’. E che mi fa pure schifo. Perdonate l’equivoco.

  15. …che complicato sovrapporsi di qui pro quo…
    mi fa fatica chiarire ancora, cmq il nocciolo è che sì, forse lorenzo può anche avere il voltastomaco culturale, ma il suo “diritto ad avere il voltastomaco” è indifendibile

  16. Lorenzo, ragioni esattamente come tutti i tuoi simili “etero” che la notte si fanno fottere dai trans (o sperano di esserlo) e poi la mattina si nascondono dietro il dito del “voltastomaco”quando vedono un bacio tra due “froci”. Si tratta di un semplice e banale BACIO fra due ESSERI UMANI, non una slinguazzata fra un uomo e un orango o una castrazione in diretta.)
    Visto che vivete vicariamente le vite dei vari Corona o dell’ultimo sfigato del GF, prendete invece esempio da Brad Pitt – superstar mondiale, figo, eterosessuale, sposato con una FIGA SPAZIALE che voi non vedrete mai neanche con il telescopio, e padre, che lotta strenuamente contro le discriminazioni dei gay – miei “cari” “etero” repressi italioti con le sopraccigliucce spinzettate e la borsettina a tracolla, le infraditine e il pinocchietto e il tatuaggino. Siete froci DENTRO e FUORI e non ve ne rendete conto (o meglio ve ne rendete conto e avete paura perché in realtà siete delle mammolette tristi e squallide), ecco da dove nasce la vostra avversione contro chi invece ha le palle per essere quello che è e per vivere secondo la propria natura.

    PS: Auguro una prontissima guarigione a Dino.

  17. sono interdetto dalla maggior parte i questi commenti, non capirò mai il perchè di tutto questo accanimento…
    se non vi va di guardarci, non serve a niente alzare le mani, semplicemente se la cosa non vi sta bene voltatevi dall’ altra parte, anche perchè l’ etero comune cade in genere nei clischè pensando che noi omosessuali non sappiamo difenderci…
    personalmente anche forse passando per una persona poco civile dico a pieni polmoni che se qualcuno provasse ad alzarmi le mani o peggio ci provasse col mio compagno, farebbe una fine molto poco signorile, perchè alla fine lo farei affogare nel suo vomito…
    perdonatemi per lo sfogo ma è una settimana che non se ne può più stiamo ascoltando la qualsiasi, basta abbassare la testa,mi ha stufato ,il mondo ci vuole più duri, tutti sono bravi a dire “io vi rispetto perchè voi avete una marcia in più”ma alla fine giorno dopo giorno la vera faccia dell’ italia sta uscendo fuori ed io non ci sto più…

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: