Archivi giornalieri: 6 giugno 2011

Europride, omofobia e… Lady Gaga!

L’Europride è un insieme di eventi per manifestare l’orgoglio gay e rivendicare diritti per le persone GLBT e viene organizzato ogni anno in una città diversa d’Europa: quest’anno è toccato a Roma e proprio in questi giorni, per la precisione dal 1° al 12 giugno, è stato allestito un grande Pride Park con tanti eventi dedicati al mondo GLBT che culmineranno poi con la grande sfilata dell’orgoglio Gay sabato 11 giugno (sfilata alla quale parteciperà pure Lady Gaga, notizia di queste ore).

Ovviamente non è che una cosa del genere si mette in piedi in 4 giorni, e quindi già nel 2008 era stata decisa Roma come locatione per il 2011 e così ne dava annuncio questo 06blog

Apriti cielo!!

Purtroppo a Roma c’è il Vaticano e una sfilata del genere mi sembra più provocatoria che fine a se stessa…

Che rottura di cojoni ’sti gay!!!! abbiamo capito che esistono, son sempre esistiti, e personalmente non li discrimino, li rispetto come ogni altro essere umano, non vedo il motivo per cui dovrei mancare di rispetto ad una persona gay. Ora non capisco per quale motivo bisogna enfatizzare l’orgoio di essere gay, fare sfilate per strada e organizzare mega raduni europei, e tutti gli altri diversi da loro cosa devono fare? vergognarsi di essere normali?. Io se fossi un gay non romperei i maroni a nessuno! Non potete vivere in santa pace nella vostra città o paese senza rompere i co…ni alla gente!!?? sempre con questa ossessione della discriminazione!! sempre con questo complesso dell’inferiorità, quand’è che crescete!!??

orgoglio di essere gay…e scendere in piazza???

Non vi conviene… a Roma vi prendiamo a calci nel cu|o! ORGOGLIO DI CHE… MA CHE IO FESTEGGIO L’ORGOGLIO ETERO? MA CHE CA77O DITE!

io nn sono gay è li ritengo delle persone normali ma nn capisco il motivo di fare queste cose se si credono loro per primi tanto normali perchè fanno ste cose? nn mi pare che gli etero fanno l’etero pride o altre cose simili mo poi cmq ripeto nn ho niente contro i gay…

E così via, molti commenti sono di questo tenore.

Come, altro argomento di grande attualità in questi giorni è la legge anti omofobia promossa da Paola Concia. I detrattori di questo progetto, coloro che l’hanno bocciata in commissione giustizia, dicono che è incostituzionale, che va contro l’articolo 3 per cui tutti siamo uguali di fronte la legge e che sarebbe una discriminazione al contrario, una sorta di favoritismo per i gay.

Alché io penso che veramente parecchie persone non riescono a realizzare la situazione di gay/lesbiche e trans in italia, pensano che il Gay Pride sia una semplice sfilata baraccona fatta così tanto per divertirsi e che si fa tanto parlare di omofobia solo perché fa figo e per far fare le faccette contrite alla D’Urso.

Beh, bisognerebbe che questi signori si prendessero la briga di leggere (almeno su Wikipedia, mica chiedo tanto) cosa sono i moti di Stonewall, di sapere che sono previste dal D.L. 122/93 art. 3 aggravanti per le aggressioni a sfondo razziale e/o religioso e invece poi bisognerebbe che si fermassero a pensare quali sono i diritti dei gay oggi in Italia e quali sono i diritti dei gay oggi in (quasi) tutto il resto del mondo.

Ma che davvero… In Svezia, Norvegia o Canada so tutti scemi che i gay li fanno sposare?!?!?

Per capire come l’omofobia faccia parte del nostro parlare di tutti i giorni, e di come questo sia dannoso e incrementi l’odio verso le persone GLBT (come ha ribadito anche Napolitano nel suo discorso lo scorso 17 maggio in occasione della Giornata Mondiale contro l’omofobia) basta pensare che anche un ragazzino (che in teoria dovrebbe conservare ancora una certa innocenza ed essere scevro da pregiudizi) se vede due uomini che passeggiano o mangiano o fanno una qualsiasi cosa insieme e non sono Bud Spencer e Terence Hill, li etichetta subito come “finocchi” o “froci”. Mi è capitato giusto la scorsa settimana di assistere ad una scena del genere…

E questo perché la nostra cultura è così profondamente omofoba (sono convinto, per colpa della Chiesaccia) che la passiamo, anche inconsciamente, ai nostri figli e sarà difficilissimo sradicarla e chiedere alla gente che ancora non è “convinta” di accettare le diversità come un valore e quindi apprezzare anche le manifestazioni che le difendono, perché tutti i cittadini vengano tutelati di fronte alla legge (e che quindi ci vuole una legge che scoraggi le aggressioni omofobe) in quanto tutti hanno gli stessi diritti a prescindere dal loro orientamento sessuale e dalla loro identità di genere.

Per fortuna non tutti gli italani sono così, parecchi sono già ben disposti verso le persone GLBT e non solo accettano loro, ma anche le loro feste

Buon Europride a tutti!!

Ecco la nuova Bmw Serie 1

Io non ho ancora capito se mi piace o no… La prima foto che ho visto ho pensato “No caXXo, ma cosa hanno combinato?” poi più la guardo e più mi sembra meno peggio. Però sa di macchinone di lusso ma troncato in malo modo sulla coda.

Boh, mi riservo il giudizio finale dopo averla vista dal vivo. Ed un po’ dovremo aspettare, visto che questa nuova Serie ! verrà presentata ufficialmente a settembre a Francoforte. Però già si sa molto sull’aspetto tecnico e quindi voilà che riporto tutti i punti più salienti (il resto lo trovate qua).

La Serie 1 è la prima vettura della sua classe ad montare (anche se in opzione) un cambio automatico ad 8 rapporti; come un po’ tutte le nuove auto oggi, è dotata del sistema Start&Stop su tutte le motorizzazioni e per tutte le trasmissioni ed è inoltre disponibile una nuova funzione “Eco Pro” che suggerisce come utilizzare al meglio l’auto per consumare meno e setta l’elettronica di gestione del propulsore a tale fine.

Elevato il carico di tecnologie: i gruppi ottici indirizzano il fascio luminoso nelle curve quando si sterza, si regolano da sole in base alla luminosità ambientale e capiscono se ci sono macchine che sopraggiungono o se ci sono animali a bordo strada e vi proiettano un fascio per catturare l’attenzione del guidatore, telecamera posteriore, avvisi acustici anticollisione e contro il superamento della linea di mezzeria, cruise control con funzione frenante, indicatore dei limiti di velocità, internet , completo interfacciamento con sistemi audio multimediali esterni, informazioni in tempo reale sul traffico, web radio e specifiche applicazioni per Facebook e Twitter.

Gli allestimenti dovrebbero essere due, come documentato in queste immagini: Urban, la blu, e Sport, la rossa.

La gamma propulsori al momento del lancio si articolerà su 2 benzina e 3 diesel, tutti Euro 5 sovralimentati mediante turbocompressore (Twin-scroll per i benzina, a geometria variabile per i diesel): si parte dalla 116i con cilindrata di 1598 cc e 136 CV per arrivare al più spinto 118i che, a fronte della medesima cubatura, garantisce 170 CV di potenza.

Alla base dell’offerta diesel si pone la 116d con motore common-rail da 1955 cc, capace di 116 CV per un consumo medio va dai 4.3 ai 4.5 L/100 km ed emissioni di Co2 pari a 114/117 g/km. Più performante la 118d che garantisce, a parità di cilindrata e pressione di iniezione del carburante, 143 CV. Il consumo medio si discosta di poco e va dai 4.4 ai 4.5 L/100 km con emissioni di 115/118 g/km di Co2.

Al top della gamma diesel si trova la 120d con motore da 1955 cc capace di erogare ben 184 CV a 4000 rpm e 380 Nm di coppia massima fra i 1750 ed i 2750 rpm; la pressione di esercizio è pari a 1800 bar. La 120d divora lo 0-100 km/h in 7.2 secondi spingendosi ad una velocità massima di 228 km/h. Il consumo medio dichiarato è di 4.5/4.6 L/100 km con emissioni di CO2 di 119/122 g/km.

Beh, che dire… Aspettiamo con impazienza!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: