Archivio mensile:luglio 2013

Moto X di Motorola potrebbe essere il definitivo iPhone killer

Chi si interessa di Android lo sa: è da tempo immemore che si vocifera di questo nuovo gingillo tecnologico, ormai diventato mitologico, che risponde al nome di Moto X, e che sarebbe il prossimo smartphone della Motorola, il primo dell’era post Google (qualcuno dice che il suo aspetto potrebbe essere questo).

Eh sì, perché la divisione Mobility della casa alata è stata acquistata (l’anno scorso? non ricordo) da Google e tutti gli androidiani hanno subito gridato Alleluja! presagendo che da questa incorporazione aziendale sarebbe nato il Google-phonino perfetto, fatto con grande stile, materiali di pregio e sempre aggiornato (nota dolente degli Android che Motorola ha sfornato fin’ora).

Per ora così non è stato: Motorola non ha buttato fuori nessun prodotto interessante o innovativo, ma anzi ha, ahimé, chiuso diverse filiali in Europa (tra cui anche quella italiana) a causa di vendite sempre minori.

Molto probabilmente Motorola aveva dei piani industriali messi su prima di essere acquisita da Google che andavano in qualche modo “esauriti”, ma una volta finiti quelli, si spera che l’apporto di Mountain View si faccia sentire e risollevi le sorti di questo blasonato brand.

Le premesse ci sono tutte: in primis delle funeree pubblicità di addio alla vecchia Motorola (anche se i “no new ads or tweets until the next chapter” si sono rivelati essere una promessa non mantenuta), mentre dopo poche ore già erano trapelate le immagini della campagna successiva, quella della rinascita della nuova Motorola (identificata proprio come “a Google company”)…

E ora? Ora si inizia a pubblicizzare il Moto X, il primo smartphone “designed, engineered and assembled in the USA” anzi, “the first smartphone that you can design yourself. Because today you should have the freedom to design the things in your life to be as unique as you are”!

(e qui Motorola, io te lo dico, hai veramente alzato l’asticella… Se gnente gnente fai un passo sbagliato saranno tutti pronti a sputarti nel muso)

Eh si, perché i soliti ben informati, in questo caso tale Taylor Wimberly, sostengono che per Moto X si potrà scegliere colore, quantità di memoria interna, materiale del case esterno (a scelta fra fibra di carbonio, plastica, metallo o legno), suonerie, wallpaper e app che si troveranno già installati alla prima accensione. Il tutto supportato da un hardware niente male e cioè processore Snapdragon S4 Pro, 2 GB di RAM, display dalle dimensioni superiori ai 4 pollici con risoluzione HD (1280×720) e capacità della batteria non meglio specificata ma sicuramente “industry leading”. Per un prezzo a partire da 299 $ (la commercializzazione dovrebbe avvenire prima negli Stati Uniti e poi dal quarto trimestre 2013 in altri paesi, tra cui si spera l’Italia).

Se poi ci metti le ultime novità di Android (si parla di un Google Now pompato alla massima potenza) ed aggiornamenti praticamente immediati come per i dispositivi Nexus, questo prodotto diventa molto allettante.

Praticamente il meglio di iPhone (lo Store online con la possibilità di configurare il device), lo stile Motorola e la versatilità di Android: se tutto questo si realizzasse veramente, beh… Ciao ciao iPhone!! Tim Cook si dovrebbe inventare qualcosa di veramente strabiliante per recuperare il terreno (che già Apple ha) perduto…

Ma tra il dire ed il fare, si sa, c’è di mezzo il mare. E se Google non ha ancora aperto il Play Devices per vendere tre dispositivi tre (Nexus 4/7/10) in tutti i paesi dove offre i suoi servigi, perché dovrebbe permettere di comprare questo nuovo gioiellino super personalizzabile (con tutte le difficoltà che ne potrebbero derivare) worldwide?

Non lo so, ma io ci spero, ed infatti nel frattempo ho già inserito la mia mail nella pagina dedicata sul sito Motorola per ricevere informazioni sul Moto X A.S.A.P… E voi??

Fonte: Androidiani.

P.S. In tutto ciò il momento di gloria che sta vivendo adesso la Samsung coi Galaxy che la fanno da padroni nel mondo Android, che fine farebbe? Beh, prevederei tempi duri anche per i miei tanto amati amici coreani…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: