Deprecare o ignorare?

Se è vero che fin da piccoli ci hanno insegnato ad ignorare i bulli al grido del claim “Solo così la smetteranno, se ti arrabbi, continueranno con ancora maggior veemenza”, è altrettanto vero che, crescendo, vedi diverse forme di stupidità umana, ed avendo un po’ di sale in zucca, a volte capita che ti venga pure voglia di denunciarle.

Ok, forse questa è una “malattia moderna” nata coi social e dettata dal fatto che attraverso Internet tutti possono improvvisarsi paladini della giustizia ed ottenere in un momento un sacco di visibilità/consensi/dissensi.

Quindi io mi chiedo: è meglio ignorare i fenomeni di stupidità (perché poi alla fine, di questo si tratta) per paura che ottengano proseliti o è bene condividerli e far sapere a tutti quanti ridicoli siano? Col rischio però, che poi ottengano ugualmente ancora più seguaci.

Mi rendo conto che si tratta di temi completamente differenti, con implicazioni profondamente diverse, ma il senso secondo me non cambia.

Che si tratti dell’ISIS, della persona/associazione omofoba di turno (vedi questo video dell’Associazione ProVita che fa ridere i polli), di Gasparri che litiga con le ragazzine un po’ in carne su Twitter o del cretino a caso che parla ai microfoni de La Zanzara, la domanda è sempre la stessa: condividere e deprecare o ignorare?

Annunci

Informazioni su Enrico*

Non sono normale, questo è poco ma sicuro. E meno male! I'm not normal, that's for sure. And thank goodness!

Pubblicato il 25 febbraio 2015, in Pensieri, parole ed emozioni con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

  1. Io i cretini de La Zanzara li ascolterei per ore e ore. Hanno il fascino ipnotico degli incidenti d’auto. Lasciarli parlare è la giusta punizione per le cose che pensano. Da qui a mostrare una decapitazione in televisione ce ne passa. Non perché la crudeltà vada nascosta, ma perché la morte -forse- è rimasta il nostro ultimo taboo. Poi, però ci sono casi e casi: ad esempio, mostrare gli omosessuali impiccati dagli ayatollah è un modo per denunciare un regime. Far vedere le vittime dei campi di sterminio non mi sembra sbagliato. Insomma, cum grano salis…

    • Non dico di mostrare la decapitazione in diretta, quello no. Ma a RaiNews hanno fatto di più, non metteranno nemmeno degli spezzoni di video, solo dei fermo immagine.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: