Archivi categoria: Eventi

La mia review della tappa londinese del Secret Tour di Darren Hayes

Facciamo le dovute premesse: quando i Savage Garden erano all’apice del loro successo io ero 15enne o giù di lì e non li seguivo affatto; cioè, sapevo chi fossero ed avevo persino una loro cassetta, ma poi basta.

La fissazione con Darren Hayes è nata solo nel 2004 ai tempi del suo secondo album solista “The tension and the spark” (per me il suo capolavoro) ma di lì a poco mi sarei rifatto di tutti gli arretrati: mi sono comprato il precedente album solista “Spin” (in più versioni), i due dischi dei Savage Garden ed il dvd del concerto “Superstars and cannon balls”.

Da quel momento in poi ad ogni nuova uscita era praticamente il delirio, sopratutto per chi mi steava accanto, perché  scattava la caccia al sito che vendeva album e singoli nelle svariate versioni, e poi la stremante attesa che arrivi il pacco ed i patemi per i primi pagamenti online con carta di credito e chi più ne ha più ne metta.

Per non parlare poi dei voli e dei viaggi che mi sono fatto per andare a vederlo Live. La prima volta che dissi a mia madre che andavo da solo a Bristol per vedere Darren Hayes (“Chi?”) manca poco mi ci rimane secca… Capirai, mai andato più lontano di Follonica da solo (non è vero, già vivevo a Salerno)…

Ma comunque… Questo per dire che non appena potevo, oltre a comprarmi tutte le uscite discografiche e non del mio beniamino (vogliamo parlare dei calendari, tour book, magliette e quant’altro?), mi facevo pure un viaggetto in Inghilterra per vedermelo in concerto. Sempre più economico e veloce dell’Australia… :-)

Ed insomma mi sono visto il “Big night in” a  Bristol, il “Time machine tour” a Londra, la presentazione alla stampa dell’album “This delicate thing we’ve made” sempre a Londra (ed in quell’occasione gli fregai una tazza, ma questa è un’altra storia) e quest’ultimo “Secret Tour” ancora nella capitale inglese.

Ecco, veniamo all’ultimo concerto di Darren: secondo me il più bello in assoluto rimane “Big night in”, e pure “Time machine tour” era molto più imponente e scenografico, ma questo “Secret tour” fatto in Inghilterra ancora prima che uscisse l’album, ha un sapore particolare.

Darren non ne ha fatto mistero, lo ha detto più volte in svariate occasioni: vuole tornare nel main stream. Dopo gli svariati milioni di album venduti con i Savage, la sua carriera solista è stata una cosa più, come dire, di nicchia.

No cioè, diciamocelo… Ai tempi di TTATS ce lo inculavamo veramente in quattro e stop.

E queste tappe inglesi ed australiane sanno di concerto promozionale, molto semplice ed intimo, sperando che poi l’anno prossimo, calcando l’onda di un buon successo di vendite, si possa fare una tournée più ampia e spettacolare.

Non mi fraintendete, la scenografia è ridotta all’osso (tre teloni che riprendono l’artwork dell’album), effetti strabilianti non ce ne sono, ma il concerto è stato grandioso, con un Darren in gran forma, una voce sempre splendida ed emozionante, ed una voglia tutta nuova di far vedere A TUTTI quello che vale (perché lo zoccolo duro dei fan già lo sa).

Ma andiamo con ordine… Leggi il resto di questa voce

Darren Criss canta con Katy Perry al Trevor Live

The Trevor Project è un’associazione americana che si propone di prevenire i suicidi dei giovani GLBT e durante la loro serata-evento dello scorso dicembre il bel Darren Criss, attore in Glee, ha cantato Teenage Dream con un’ospitata a sorpresa di Katy Perry.

Fino a poco tempo fa, cioè prima che inziassi a guardare Glee, lui manco lo conoscevo, mentre adesso posso dire che è veramente bravo e pure bello. Anche se penso che sarà alto più o meno quanto un cazzo ed un barattolo…

Kylie Minogue, Aphrodite Les Folies tour 2011

Bé, che sarebbe stato uno spettacolo lo sospettavo. Sono rimasto invece sorpreso per il tipo di show, molto diverso da quelli delle altre grandi dive del pop che avevo visto io (Madonna e Gaga). Kylie è veramente una Showgirl con la esse maiuscola e tutto quello che fa è estremamente posato ed aggraziato, mai sfacciato o volgare, nonostante i costumi non fossero propriamenti sobri, ma Lady Gaga ha alzato gli standard e bisogna starle dietro in qualche modo.

Saranno stati i ventagli di piume o la mise da bagno super chic che indossa nel finale o le perle a profusione nei costumi, ma mi sono venute subito in mente le ballerine degli anni 30.

Poi ovviamente Kylie lo sa che il 90% del suo pubblico sono omosessuali infoiati e quindi maschi semi-nudi come se piovessero, dal vero e nei video. Al prossimo tour mi sa che verrano proiettati direttamente dei porno gay della Lucas Kazan…

Insomma, veramente uno spettacolo da vedere, che come tutti i concerti del resto si racconta difficilmente con le parole o con le foto. E con quelle scattate da me men che mai, perché sono fatte col cellulare e fanno abbastanza schifo.

Vi consiglio di andare a vedere quelle di Super-Pop e magari… La prossima volta venite pure voi!! :-)

Lady Gaga e Milano

Il Monster Ball Tour è uno spettacolo fantastico. Lady Gaga è indubbiamente fantasmagorica. Assistere alle sue performances è stata sicuramente un’esperienza. Non ci sono discorsi sensati per esprimere quello che ho passato sabato sera al Forum di Assago, ma in qualche maniera ci proverò.

Lei è veramente così come la vedi in tutti i video ed in tutte le foto (sopratutto le “paparazzate”) che ti ritrovi in giro per il web: pazza, folle, completamente fuori di testa.

Ma anche mentre si rotola sul palco e si strappa le calze con le unghie riesce a tirare fuori una voce incredibile. É bravissima, lo sa e lo sottolinea. Canta sempre e rigorosamente dal vivo perché l’ha promesso a suo nonno Giuseppi Germanotta che è morto qualche mese fa, balla , anche se quello le riesce meno bene (per ora), recita, suona… Fa di tutto e lo fa al meglio che può, si da fino in fondo al pubblico e ringrazia talmente tante volte i suoi fan che arriva al limite della paraculaggine. Era un continuo ripetersi di “Milano”, “Italia”, “Piccoli Mostri” e “Vi amoooo” ed ha tirato fuori pure un tricolore che esibiva orgogliosamente, sottolineando le sue origini italiane che ha osannato per tutta la durata dello spettacolo.

In fin dei conti mi piace pensare (anzi, ne sono convinto) che lei sia veramente così: totalmente devota ai suoi fan e non ai soldi, sinceramente emozionata quando parla del suo successo e del fatto che deve tutto a chi compra i suoi dischi ed i suoi biglietti. E se non fosse veramente così, allora è un’attrice da Oscar.

Insomma, con questo concerto Lady Gaga mi ha stupito di nuovo.

Leggi il resto di questa voce

Florence Queer Festival

Voi che siete molto più informati ed inseriti di me, date un’occhiata al programma del Florence Queer Festival e mi dite se c’è qualcosa d’interessante da vedere?

Miss Italia 2010 pilotata?

E sarebbe anche logico… No, ma ditemi voi come si pretende che la gente voti se si fa partire il televoto per scegliere la più bella d’Italia a mezzanotte e mezzo??

Comunque Gabriele Paolini, sì quel rompimaroni che sta dietro a tutti i giornalisti in tv, ha detto che Miss Italia 2010 sarebbe pilotato e lui sa di già che vincerà Giulia Nicole Magro, Miss Veneto.

E anche qui comunque sarei d’accordo… L’altra ha una faccia che sembra uno scaldabagno!!

P.S. Non mi pronuncio sulla questione trans, perché, mi dispiace, ma stavolta Selvaggia Lucarelli ha pisciato di fuori…

EDIT (00:50): Paolini si sbagliava, ha vinto Francesca “Mascella Quadra” Testasecca…

É ufficialmente Vuvuzela mania (o fobia)

Vi sembro uno che guarda i Mondiali? No, ve lo dico subito. Mai visto una partita quest’anno, e dello scorso Mondiale guardai la finale giusto perché c’era l’Italia… Però, pur essendo totalmente a digiuno di Coppa del Mondo, ‘ste vuvuzelas mi hanno già sfrantumato la minkia…

Vi giuro che lunedì sera, prima partita dell’Italia, nel mio giardino si sentiva questo fastidioso ronzio provenire dalle tv di tutto il vicinato… Ed io, ignaro dell’esistenza di questo aggeggio infernale, mi sono rifugiato in casa perché pensavo che fosse in corso un’invasione di api assassine.

E chiunque tu senta a tal proposito, ti dice che questi cosi sono maledettamente fastidiosi. Tanto che la Bbc sta seriamente considerando di trasmettere le partite sudafricane con il doppio audio: in presa diretta dallo stadio o con il solo commento del telecronista, vuvuzelas-free diciamo.

Ma poi scopri che a Milano vanno a ruba, che c’è un sito che te lo spara nelle orecchie anche mentre navighi sul web e pure un giochino che ti mette alla prova e testa quanto riesci a resistere all’orribile suono prima di mangiarti le casse del pc come nella pubblicità della Tuc

Oppure per 2,95 € vi comprate un simpaticissimo filtro anti vuvuzelas… Fatemi sapere se funziona!!

EDIT: Ho scoperto da dove sono state prese le vuvuzelas…

A Berlusconi piace la finocchiona

A quanto sembra, pare proprio di sì… Ma non vi preoccupate, il Sire Nostro che è in the Sky non è passato all’altra sponda, ma semplicemente ha degustato felicemente il tipico salame toscano.

Eh si, perché Berlu oggi è atterrato a Siena in compagnia della figlia Marina per vedere una casetta che gli piacerebbe acquistare; niente di che, una tenuta da 1000 ettari nel cuore della campagna senese… Roba da poco, ecco!!

Meno male che la notizia della sua visita in territorio senese si è sparsa quando tutto era già avvenuto, altrimenti mi sarebbe toccato prendere un giorno di ferie ed andarlo ad accogliere come meritava… :-D

Il Castellare de’ Noveschi ed il bagno nel vino

Dio solo sa quanto ne avrei bisogno… E poi il posto è di alcuni miei amici, quindi… Andateci, andateci, andateci!! Beh, non è proprio a buon mercato, ma vale tutti i soldi spesi…

Maggiori info qui.

Giornata della Memoria

Ebrei, omosessuali, emigranti, Testimoni di Geova o Gitani. Queste le categorie da sterminare secondo il nazismo.

Oggi si ricorda la Shoah, per evitare che una cosa anche lontanamente simile non si ripeta. Mai più…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: