Archivi Blog

Law & Order SVU ed i voli pindarici sulla famiglia

Questa estate mi sono innamorato di “Law & Order – Unità vittime speciali”: la serie è uno dei cinque spin off dell’originale “Law & Order”, in onda dal 1990 al 2010.
Di tutti gli spin off nati, “Law & Order SVU” è l’unico attualmente in onda, giunto alla 17esima stagione e penso che ce ne sarà per certo anche una 18esima. La sigla è praticamente quella del 1990 e l’introduzione agli episodi è sempre la solita, in Italia recitata da Luca Ward.

“Nel sistema giudiziario statunitense, i reati a sfondo sessuale sono considerati particolarmente esecrabili. A New York opera l’Unità Vittime Speciali, una squadra di detective specializzati che indagano su questi crimini perversi. Ecco le loro storie”

A parte che andrebbe vista solo per l’uso della parola ESECRABILE (lo sentite come è altisonante nonostante porti con sé un intrinseco giudizio negativo?), un altro punto a suo favore è che nonostante sia una delle più longeve e popolari serie Tv negli Stati Uniti, non è (poi così tanto) presente la solita combo ossessiva made in Usa “Famiglia e Patria”.

Stasera ho visto l’ultimo episodio della 16esima stagione e per la prima volta i protagonisti fanno un brindisi “Alla famiglia”: ma nello specifico, la famiglia a cui brindano, è composta da una donna 50enne single ed un bambino 2enne da lei adottato.

Questo per dire cosa? Che la famiglia è indubbiamente importante, non deve mai essere sottovalutata in quanto è la cellula principale della società, ma non deve per forza essere sbandierata ai quattro venti, né di certo non ce n’è solo un tipo: tutte le forme di famiglia sono ugualmente valide e tutte meritano rispetto.

P.S. Mario Adinolfi, Ministra Lorenzin col #FertilityDay, politici razzisti, cattonazisti ecc ecc FOTTETEVI.

Annunci

#maiunagioia

Il vassoio incriminato

Lo scenario è questo: Collega Preferita si è appena messa a vendere la roba della Tupperware e quindi ha bisogno di promuoversi. “Perché non facciamo un party a casa tua che conosci tanta gente e mi fai un po’ di pubblicità?” Si certo, conosco tanta gente, ma mica so tutti disposti a farsi svuotare il portafoglio per due ciotolini di plastica. Va beh, alla fine io di no a lei non riesco a dirglielo, 4-5 persone le raccatto (le solite stronze che lo fanno in nome dell’amicizia che ci unisce, vi voglio bene) e facciamo sto party. Tutti entusiasti, tutti a mangiare, curiosare, smanettare e poi, quando si arriva al momento degli ordini, il silenzio. “Mi piaceva quello ma costa troppo”… “No io adesso non ho bisogno di niente”… E quindi alla fine, per non mandare via Collega Preferita con un niente di fatto, ordino un vassoio porta torte (di cui abbiamo una diapositiva) per mia mamma.

Oggi arriva sto benedetto ordine e prima di andare a pranzo mi trovo nel parcheggio con Collega Preferita che mi consegna il tutto; quindi arrivo a casa dei miei e sfoggio, così com’è, il vassoio corredato da uno scenografico “Ta-dah! Regalo di Natale!” mentre lo tolgo dal nylon. “Che cos’è?” domanda lei stupita. “Niente mamma, un vassoio per conservare/portare i dolci, che quando li fai non sai mai dove metterli perché nei vassoi antiaderenti non ce li puoi tagliare, nei piatti da portata ti si seccano, la busta di plastica per conservarli fa schifo alla minkia”… Ecco, questo era quello che avrei voluto dire ma non ce l’ho fatta perché mio padre ha iniziato a sbraitare che manco gli avessi affondato un coltello nella pancia. “Ma io-io-io non capisco… Ti sembra il caso? E ora questo tamburlano dove si mette? Ma perché vai a spendere soldi per queste cazzate? Ma chi te l’ha chiesto? Ma fatti i cazzi tuoi, no?”…

Fatti i cazzi tuoi? FATTI I CAZZI TUOI? Cioè, io ti faccio un regalo (che poi in realtà era per mamma non per te, babbo) e te mi urli contro FATTI I CAZZI TUOI? Ecco, direi che questo è già abbastanza esplicativo del tipo di persona che può essere a volte mio padre e non sto a dettagliare troppo tutta la successiva sceneggiata in cui mio padre ci rinfaccia (ahilei, era presente pure mia sorella) tutti i regali a suo dire inutili che abbiamo fatto loro (tra me e mia sorella arriveremo massimo massimo a 3 o 4 , un crimine contro l’umanità, anzi contro la parsimonia, a suo vedere) e che si conclude con la sua uscita di scena sbattendo la porta mentre mia madre rimane mortificata in piedi in mezzo alla cucina senza riuscire a dire nulla come al solito.

Ecco… Io ora, dopo essermela inizialmente presa a male e aver giurato che me lo sarei riportato via, me la sono fatta passare, ho preso il Pan Coi Santi che, neanche a farlo apposta, mia madre aveva appena sfornato e l’ho messo dentro al vassoio, perché cazzo, è un vassoio di plastica! Ma si può litigare col padre perché regali a tua madre un vassoio di plastica? Vediamo se quando rientra riuscirà a conviverci o se sentirà l’irrefrenabile bisogno di farlo sparire dalla “sua” cucina. Manco fosse Benedetta Parodi… Cazzo gliene frega a lui quello che sta sul piano della cucina (che poi, per inciso saranno 4 mt lineari di granito mica uno sgabuzzino)? E poi comunque quando non lo usi lo togli di mezzo, non è che deve star lì ad imperitura memoria dello sgarbo fatto da tuo figlio che ha addirittura osato fare un regalo alla sua famiglia.

Io poi sono tragico, e dopo sto mega litigio non chiarificato, mentre guidavo per tornare a lavoro, pensavo “Ma se ora mio padre morisse, come mi sentirei?”… Addolorato? Disperato? Dispiaciuto? Mica tanto mi sa… Forse un po’ sollevato, perché si, magari mia madre soffrirebbe un po’ all’inizio, ma poi se ne farebbe una ragione alla svelta, tanto già adesso è come se fosse vedova, mio padre non c’è mai, e poi per lo meno nessuno più si dovrebbe sorbire queste sue enormi sfuriate senza motivo. Ed il fatto che io sul momento la pensassi così è un vero peccato, perché un litigio per una Cazzata con la C maiuscola prevarrebbe sul fatto che in tutta la sua carriera di padre non ci ha mai fatto mancare niente, qualsiasi cosa volessimo, alla fine l’abbiamo avuta (certo, lottando un po’ ma questo fa parte del gioco); prevarrebbe sul fatto che dall’idraulico al muratore, dal barbiere al giardiniere, sa fare tutto e quando hai bisogno lui viene senza nemmeno dire pio. Certo mio padre è sempre stato avaro di parole e sentimenti, e Dio sa quanto invece questi siano utili a due bambini che crescono, ma questo non significa che sia cattivo o che non ci abbia messo del suo per essere un buon padre.

E allora tutto questo per dire cosa? Cosa ce ne straciccia a noi se hai un babbo con un carattere demmerda, direte voi? Niente, e ormai ho imparato a volergli bene così com’è.

Ma una banalità a mo’ di morale la vorrei dire (anche per mio promemoria futuro, perché si sa, il lupo non caga agnelli): pensate bene a quello che dite, pensate bene a quello che fate. Perché sono le vostre parole e le vostre azioni a fare di voi quello che siete, non le buone intenzioni inespresse.

Alemanno e lo strano concetto degli aiuti alle famiglie (sposate)

Fino ad adesso chi sapeva dell’esistenza di un Forum sulla Famiglia? Io sicuramente no, ma quest’anno la serie di conferenze ed incontri che si è appena conclusa a Milano, ha avuto un sacco di risonanza mediatica.

In principio fu il tira e molla con Berlusconi, ospite sgradito in quanto “ammira” in una maniera tutta sua le belle donne (anche minorenni).

Poi è arrivato anche Alemanno, Sindaco di Roma, a dire la sua. E ci mancherebbe, ma sentite un po’ cosa ha partorito.

In un momento di crisi non si può dare tutto a tutti, bisogna sporcarci le mani. Se vogliamo aiutare le famiglie, che sono quelle sposate, vuol dire aumentare le tasse ai single e alle coppie con pochi figli. La questione non riguarda solo le amministrazioni locali ma il governo nazionale.

Bisogna sfuggire alla tentazione di voler dare tutto a tutti, e quindi ai gay e ai single, altrimenti non faremo mai politiche familiari. Bisogna concentrarci sulla famiglia della Costituzione formata da un uomo e una donna che fanno figli. Questo non vuol dire però discriminare le altre persone, vuol dire che la difesa dei diritti individuali non sono politiche familiari.

E poi, in pieno Berlusca-Style, ritratta, smentisce, dice che stava scherzando.

Non si tratta di aumentare le tasse ai single ma di concentrare gli sgravi sulle famiglie con più figli. La pressione fiscale deve complessivamente diminuire, dobbiamo però scegliere dove mirare queste riduzioni.

Menomale che ci ha pensato il Sindaco di Bari, Michele Emiliano, a ribadire l’articolo 3 della Costituzione.

Trattare stesse situazioni in modo simile, fermo restando che la Costituzione parla di famiglia fondata sul matrimonio. Ma se ci sono stessi bisogni vanno affrontati alla stessa maniera. Se si rompe il femore il compagno di un uomo è uguale se se lo rompe la moglie di un altro. Non ho trovato nella Costituzione motivo per discriminare queste situazioni.

Secondo il Sindaco barese la soluzione Alemanno non ha senso visto che “proprio in tempi di crisi, l’incertezza del futuro riguarda tutti e tutte le fasce d’età”. E ha pure detto che, nonostante la sua azione sia rivolta alla promozione della famiglia tradizionale, bisogna tenere conto del fatto che “ci sono moltissime situazioni che non funzionano in questo modello”.

Menomale, và…

Ma ricapitolando: se io dico “Meglio essere appassionati delle belle ragazze che gay” in realtà volevo dire “Preferisco le donne ai gay” e se io dico “Più tasse ai single” in realtà volevo dire “Meno tasse alle famiglie con tanti figli”…

Ma questi so scemi o ci fanno?

Mi sa che, purtroppo, gli scemi siamo noi italiani.

Fonte: Repubblica.

La Littizzetto chiama? I condom rispondono!!

Non so se avete visto la Littizzeto ieri sera a CheTempoCheFa… Io ovviamente si, anche se stavo quasi per distruggere la televisione nuova di Serena, perché non si vedeva bene RaiTre (scherzo Sere!)…

Ma comunque alla fine siamo riusciti (non proprio benissimo, ma chissene) e abbiamo guardato ed ascoltato la Luciana implorare (tra le altre) le ditte fabbricatrici di condom, di mettere un “qualcosa” per far riconoscere il verso giusto dei profilattici, oltre che il Governo per fare una campagna di educazione sessuale decente, onde evitare che i teen-ager italici si mettano il preservativo solo dopo aver fatto sesso, convinti che sia un astuccio dove riporre la banana dopo l’uso.

Ebbene, prima che la Carfagna faccia una campagna in questo senso, ne passerà di acqua sotto i ponti, ma per le indicazioni sulla giusta vestizione del pirulo, si sono già attrezzati!!

Sono nati i preservativi con le ali, che oltre ad agevolare lo srotolamento, tracciano anche il verso giusto!!

Quando si dice la celerità… Luciana (e non solo) ringrazia!

Senza parole

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: