Archivi Blog

A pray for Japan

Questa foto esprime benissimo lo stato d’animo che avrebbero il diritto di provare adesso i Giapponesi coinvolti nel terribile terremoto/tsunami che ha travolto il loro Paese e sconvolto il mondo intero, minacciato inoltre da una possibile contaminazione radioattiva.

Invece no, i Giapponesi, li vedi nei filamti che circolano ovunque, sono compostissimi, pacati all’inverosimile. Sempre ordinati, mai un urlo, mai una smorfia. Nella tragedia, sono stati veramente da esempio per tutti quanti.

Ed a questo indirizzo, National Geographic ha raccolto 20 immagini che ci riportano sotto gli occhi (come se non bastassero i vari tg) la devastazione subita da questo Paese.

Forza Giappone!!

P.S. Anche Lady Gaga ha disegnato un braccialetto ispirato dalla tragedia giapponese ed i proventi derivanti dalle vendite, qui a 5 $ ma solo negli Stati Uniti, saranno interamente devoluti per gli aiuti nel paese del Sol Levante.

In 48 ore sono già stati racimolati 250.000 $

Lady Gaga e Milano

Il Monster Ball Tour è uno spettacolo fantastico. Lady Gaga è indubbiamente fantasmagorica. Assistere alle sue performances è stata sicuramente un’esperienza. Non ci sono discorsi sensati per esprimere quello che ho passato sabato sera al Forum di Assago, ma in qualche maniera ci proverò.

Lei è veramente così come la vedi in tutti i video ed in tutte le foto (sopratutto le “paparazzate”) che ti ritrovi in giro per il web: pazza, folle, completamente fuori di testa.

Ma anche mentre si rotola sul palco e si strappa le calze con le unghie riesce a tirare fuori una voce incredibile. É bravissima, lo sa e lo sottolinea. Canta sempre e rigorosamente dal vivo perché l’ha promesso a suo nonno Giuseppi Germanotta che è morto qualche mese fa, balla , anche se quello le riesce meno bene (per ora), recita, suona… Fa di tutto e lo fa al meglio che può, si da fino in fondo al pubblico e ringrazia talmente tante volte i suoi fan che arriva al limite della paraculaggine. Era un continuo ripetersi di “Milano”, “Italia”, “Piccoli Mostri” e “Vi amoooo” ed ha tirato fuori pure un tricolore che esibiva orgogliosamente, sottolineando le sue origini italiane che ha osannato per tutta la durata dello spettacolo.

In fin dei conti mi piace pensare (anzi, ne sono convinto) che lei sia veramente così: totalmente devota ai suoi fan e non ai soldi, sinceramente emozionata quando parla del suo successo e del fatto che deve tutto a chi compra i suoi dischi ed i suoi biglietti. E se non fosse veramente così, allora è un’attrice da Oscar.

Insomma, con questo concerto Lady Gaga mi ha stupito di nuovo.

Leggi il resto di questa voce

Lo sapevate che…

…Esiste pure la Paura del Papa? Si chiama Papafobia ed è una “paura persistente, anormale e ingiustificata del Papa”.

E non è la paura che hanno i finocchi o i trans di essere perseguitati e messi al rogo dalla Chiesa, ma una cosa che potrebbe capitare a tutti…

Come chiunque potrebbe sviluppare una qualsiasi fobia, anche le più strane, come la paura della Francia o delle nuvole. Tutte queste fobie d’essai sono state fotografate e riprodotte dal sito australiano PerthNow, trovate la galleria con relative paure qui.

A questo punto la curiosità cresce: conoscete nessuno che soffre di una di queste insolite fobie (a parte Leopoldo Mastelloni che ha paura degli uccelli e uno manco ci crede)??

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: