Archivi Blog

Matthew Raymond-Barker, respinto da X-Factor Uk vince quello francese

Il belloccio nella foto sopra è Matthew Raymond-Barker, cantante 22enne londinese che si era presentato per partecipare ad X-Factor Uk, ma è stato scartato al primo giorno dei bootcamp.

Allora c’ha riprovato con l’edizione francese, essendo andato per 6 mesi in Francia a studiare presso l’Univerità di Tolosa, e non solo l’hanno preso, ma è arrivato fino all’ultima puntata ed ha vinto!

Certo, durante l’esibizione di “Single Ladies” la sua voce non è sempre al top, ma le incertezze sono dovute al fatto che il poverino è anche impegnato con la coreografia e, ormai tutti lo sanno, non è facile ballare e cantare insieme; se l’è cavata molto meglio con altre esibisioni (tra le altre sul tubo si possono trovare “Like a prayer“, “Nothing Compares 2 U“, “One“, “Time After Time“, “Supreme“, “Just the way are“, “Price tag“, “Viva la vida” e ultimo ma non ultimo un favoloso medley di Rihanna e Ke$ha dove dimostra tutte le sue doti).

E poi comunque caruccio è caruccio e ha un’ottima padronanza del palco: direi che questo spesso e volentieri basta per il mondo del pop, no?

Dal due luglio sarà disponibile in Francia il suo primo singolo, una cover di “Vivre ou survivre“… Riuscirà Matthew Raymond-Barker a sfondare le porte francesi ed imporsi sul mercato internazionale? Io lo spero, nel frattempo tengo d’occhio il suo canale YouTube (dove si cimenta in “Halo” di Beyoncé usando un deodorante spray come microfono)…

Sotto, un’esibizione chitarra e voce di “Price Tag”.

Dillo ad Obama

A parte che su Twitter #dilloaobama e #tellobama stanno impazzando… La foto presa dal blog di Byb mi ha fatto troppo ridere!

Notizie in pillole #25 (provvedimenti intelligenti)

* Parigi: vietato l’accesso in centro ai veicoli più inquinanti. “Usare il SUV in città non ha senso”, questo è il motto dell’iniziativa. E come dar loro torto…

* Finalmente i maggiori produttori di telefoni cellulari si sono decisi ad adottare un unico standard per i caricatori: la micro Usb. E l’iPhone?

* Davanti la Sagrada Familia (appena consacrata dal Papa) verrà inaugurato a Febbraio un monumento in memoria dei gay perseguitati durante l’olocausto.

* Per limitare la crescita esponenziale delle nuove auto immesse sulle strade di Pechino, e del conseguente inquinamento prodotto, il governo limita le immatricolazioni per il 2011 a sole 240.000 unità. Peccato che, appena saputa la notizia, i cinesi, che non so mica scemi, si sono affrettati ad andare nelle concessionarie e hanno comprato 800.000 nuovi veicoli!!

Catherine Deneuve e Johan Akan fotografati da Satoshi Saïkusa

Per promuovere il suo nuovo film “Potiche”, diretto da François Ozon, la divina Catherine Deneuve gioca a fare la panterona con uno splendido Johan Akan nudo nulla copertina di Tetu, magazine gay francese, davanti all’obiettivo di Satoshi Saïkusa.

Hai capito la signora? Chiamala scema!!

Altre foto qui.

Le fil, lo vedremo mai in Italia?

Vodpod videos no longer available.

Forse sì, visto che c’è la Cardinale… A me sono salite le lacrime agli occhi solo vedendo il trailer e non capendo mezza parola di francese!!

Ok, mi sa che è tardi e io sono cotto: devo andare a casa… :-D

Fonte: QueerBlog.

Francia: gay aggrediti con la soda caustica

Una coppia di uomini, 27 e 40 anni, si trasferiscono nel loro nuovo appartamento a Melun, nella zona sud est di Parigi. Potete immaginare qualcosa di più gioioso? Io no, è quello per cui bramo da un paio di anni a questa parte…

In questo caso invece, ci si sono messi di mezzo i vicini di casa. Evidentemente non gradivano la presenza di una coppia gay nel palazzo, quindi non solo li hanno ricoperti di insulti e minacce (roba da ragazzi), ma addirittura hanno rubato loro una copia delle chiavi d’ingresso e gli sono entrati in casa di notte, vestiti di nero; dopo aver minacciato i due con una pistola Taser a impulsi elettrici ed averli colpiti, li hanno legati e rovesciato sui loro corpi una sostanza che serve a sturare i condotti idraulici a base di acido/soda caustica.

I poverini, ricoverati in ospedale, ora soffrono per le gravi bruciature riportate dalla violenza.

Senza parole…

Fonte: Queer Blog.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: