Archivi Blog

Applausi applausi applausi a Pier Luigi Bersani

La Gelmini propone il berlusconismo culturale

Proporre il berlusconismo, una conquista del Paese che vogliamo difendere non solo all’interno del Pdl ma anche in un ambito culturale in cui vige l’egemonia della sinistra, che pensa che il centrodestra sia privo di identità culturale.

Ma cosa sta dicendo?

Qui il resto del delirio.

Le case antisismiche de L’Aquila: un buco nell’acqua?

Ricordate il Progetto C. a. s. e. (Complessi antisismici ecocompatibili) realizzato a L’Aquila dopo il terribile terremoto del 6 aprile 2009? Complessi abitativi realizzati a tempo record (spesa totale 803 milioni di euro), che già avevano sollevato delle polemiche perché portavano gli abitanti dei paesi distrutti fuori dai paesi stessi, non ricostruivano i centri abitati storici ma ne creavano di nuovi e su cui magari si poteva risparmiare qualcosina.

Ecco, adesso viene fuori una relazione fatta dall’ufficio tecnico del Comune de L’Aquila dove vengono riscontrate molte pecche nella realizzazione di queste case che invece dovrebbero essere invece l’avanguardia della tecnologia edilizia.

Per carità, gli ingegneri del Comune convengono che “la velocità di esecuzione dei lavori, può giustificare alcune disfunzioni”. Però “è altresì vero che in alcuni casi si contrappongono fabbricati completati egregiamente ed altri con problematiche serie da risolvere”.

Come mai “a pochi mesi dalla consegna degli appartamenti agli sfollati, si rendono evidenti segni di deterioramento inaccettabili” (quali ringhiere e passamano già arruginiti o sverniciati, macchie nelle tinteggiature esterne, mancanza di battiscopa intorno ai fabbricati)?

Come mai i lavori sono stati fatti, in alcuni casi, in maniera palesemente approssimativa?

Come mai, dalla base dei pilastri che sostengono le basi antisismiche (costate una fortuna) esce acqua che allaga garages, ballatoi e piani bassi degli edifici?

Come mai, “in un caso, la struttura in cemento armato del vano ascensore palesa carenze nella qualità del calcestruzzo”?

La tragedia non ci ha insegnato niente?

Speriamo che queste domande trovino presto risposta e che sopratutto si ponga rimedio a tutte queste carenze, visto che i lavori sono stati pagati per intero, e non per avere delle “mezze costruzioni”.

P.S. Ah, poi si potrebbe pure iniziare a ricostruire i veri paesi, ma quello è un altro discorso…

Fonte: Repubblica.it.

Quando gli immigrati eravamo noi

“Generalmente sono di piccola statura e di pelle scura. Non amano l’acqua, molti di loro puzzano anche perché tengono lo stesso vestito per molte settimane. Si costruiscono baracche di legno e alluminio nelle periferie delle città dove vivono, vicini gli uni agli altri. Quando riescono ad avvicinarsi al centro affittano a caro prezzo appartamenti fatiscenti. Si presentano di solito in due e cercano una stanza con uso di cucina. Dopo pochi giorni diventano quattro, sei, dieci.

Tra loro parlano lingue a noi incomprensibili, probabilmente antichi dialetti. Molti bambini vengono utilizzati per chiedere l’elemosina ma sovente davanti alle chiese donne vestite di scuro e uomini quasi sempre anziani invocano pietà, con toni lamentosi o petulanti. Fanno molti figli che faticano a mantenere e sono assai uniti fra di loro.

Dicono che siano dediti al furto e, se ostacolati, violenti. Le nostre donne li evitano non solo perché poco attraenti e selvatici ma perché si è diffusa la voce di alcuni stupri consumati dopo agguati in strade periferiche quando le donne tornano dal lavoro.

I nostri governanti hanno aperto troppo gli ingressi alle frontiere ma, soprattutto, non hanno saputo selezionare fra coloro che entrano nel nostro Paese per lavorare e quelli che pensano di vivere di espedienti o, addirittura, attività criminali”.

Gli Italiani visti dall’Ispettorato per l’immigrazione del Congresso Americano (1912)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: