Archivi Blog

Gary Barlow in copertina su Esquire

Fa strano vedere un uomo e non una modella semi nuda in copertina su Esquire…

Ma (sopratutto) se si tratta di Gary Barlow… Ben venga!! :-)

Dopo il salto altre foto.

Leggi il resto di questa voce

Naike Rivelli completamente nuda su Interviù

Naike Rivelli, la splendida figlia di una splendida Ornella Muti è diventata una cantante. Ma questo già lo sapevamo, il suo primo singolo è uscito a novembre 2010.

Ha poi dichiarato di essere bisessuale, ma anche questa può essere considerata storia vecchia, in quanto la dichiarazione risale al 13 febbraio 2011, e pfiu! si sa, nel mondo dello spettacolo tutto corre veloce, molto veloce.

Nel frattempo è uscito il suo secondo singolo, N-Zoid, e pure l’album. Ma le news sono passate un po’ in sordina… Pronte a riemergere quando Naike (o Nayked, questo il suo nome d’arte) viene fuori con video dove si mostra mezza nuda e/o apparizioni/ospitate very hot.

Ma ancora, parlamose chiaro, non se la incula nessuno e quindi ha deciso di giocarsi il tutto per tutto: il servizio fotografico completamente nuda!

A parte che, va beh, nel 2011 spero non si scandalizzi più nessuno e poi, Naike… Per favore, questo tuo percorso artistico sa tanto di inseguimento della “notorietà” a tutti i costi e rischi di diventare ufficialmente una poraccia D.O.C.G.

Tira fuori una canzone decente e fagli un po’ di promozione come si deve…

BTW, se volete vedere altre foto hot di Naike, sono qui.

I took a little something, il nuovo video di Florrie

Florrie l’ho conosciuta da poco tramite Popslut, e mi era piaciuta subito.

Ma non faccio nemmeno in tempo a procurarmi i suoi due Ep, Introduction ed Experiments, che lei se ne esce con un video diretto da Jastin Wu e premierato in esclusiva su Swide, il luxury magazine by Dolce&Gabbana.

Un motivo in più per adorarla!

Pigiama party con Daniel Garofali

Pigiama party con Daniel Garofali, Pantelis e Elliot Joseph Rentz.

Ragazzi, ho un salone bello grande… Perché non organizzarene uno anche da me?

Boys, I have a very big living room…. What about a pyjama party at my house?

Fonte: Daniel Garofali Tumblr.

Julianne Moore per Allure

Quasi 50 anni (li compirà il 3 di dicembre) e non sentirli. Una splendida Julianne Moore si fa apprezzare sulle pagine di Allure, non solo per il suo aspetto ma anche per le sue dichiarazioni.

Il bacio lesbo è una cosa normale.

D’altronde ne aveva già dato prova nel film “Chloe”, dove intraprende una relazione omosessuale con Amanda Seyfried.

Non è stato difficile. Io sono stata a letto solo con uomini. Però con Amanda sono andata subito d’accordo e non mi sono sentita in imbarazzo. Non è affatto diverso baciare una donna o un uomo.

La vera differenza sta nel “baciare una persona che si conosce e una che non si conosce”.

Il nudo, però no, proprio non le piace. E anche d’estate Julianne cerca di coprirsi il più possibile.

Giro con le maniche lunghe e pantaloncini da surf, anche se non è proprio il look preferito da mio marito.

E sull’eta e l’invecchiamento ha un’idea ben precisa.

Sono sempre scioccata dalle persone che parlano del non essere di mezz’età. Mi viene da dire: “Quanto pensi di riuscire a vivere? Raddoppiamo la tua età e vediamo dove arrivi”. Tutti mi dicono: “35 anni non è mezz’età”. E io rispondo: “Raddoppiali”.

Fonte: GossipBlog e TgCom.

Catherine Deneuve e Johan Akan fotografati da Satoshi Saïkusa

Per promuovere il suo nuovo film “Potiche”, diretto da François Ozon, la divina Catherine Deneuve gioca a fare la panterona con uno splendido Johan Akan nudo nulla copertina di Tetu, magazine gay francese, davanti all’obiettivo di Satoshi Saïkusa.

Hai capito la signora? Chiamala scema!!

Altre foto qui.

Che fi*a!

Amanda Seyfried in copertina su Glamour Magazine, sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito.

Questa giovane attrice 25enne a me piace veramente tanto, a parte per le sue doti recitative, per la sua capacità di saper essere acqua e sapone al naturale, una ragazza come tante, per poi diventare una strafiga cosmica quando è tutta messa su…

Un po’ come Anne Hathaway, ma secondo me Amanda è più bella.

P.S. Stamani mi son girato a guardare una ragazza che aspettava l’autobus… Mi devo preoccupare?

Dauomo magazine, il volta faccia

Siamo arrivati al paradosso. Adesso sono contro l’omofobia… Mah…

Fonte: Spetteguless.

Diego Mantegazza, che ingiustizia

Poverino, gli hanno chiuso un account anti gay su Facebook… Certe ingiustizie proprio non le capisco!

Intanto lui, siccome è un uomo vero, ha rimosso dal sito del suo prezioso magazine la pagina in cui spiegava perché Dauomo è rivolto a soli uomini veri e perché i gay non sono ammessi.

Forse, almeno il suo avvocato ha un po’ di buon senso?

Fonte: Spetteguless.

Da uomo, il magazine vietato ai gay

Quasi mi dispiace parlarne, perché comunque è una fonte di pubblicità per questa sottospecie di magazine… Ma io dico: si può?? Rimango sempre più basito…

Fonte: Spetteguless.

RIFLESSIONE SEMI-SERIA (E ANCHE BANALE)

Io sono dell’opinione che chiunque possa fare ciò che vuole della propria vita, finché non lede i diritti e la libertà degli altri individui.

Allora cosa spinge individui come questo Diego Mantegazza a generalizzare e a definire tutti i gay come volgari, spesso osceni, maleducati, privi di pudore, privi di eleganza, privi di buon gusto, irrispettosi del prossimo ma soprattutto GAY? Per carità liberissimo di fare un magazine per soli uomini eterosessuali, ma da qui a sparare insulti ce ne corre.

Probabilmente questa potrebbe essere archiviata come una discutibile trovata pubblicitaria per far decollare un magazine che altrimenti nessuno conoscerebbe.

Ma più in generale…

Cosa turba tutti gli omofobi, tutti quelli che pensano che essere gay sia una scelta, quelli che non vogliono le unioni civili tra persone dello stesso sesso e tutti quelli che picchiano (se non peggio) gay e transessuali, tutti quelli che pensano che l’omosessualità sia un peccato o una malattia?

Non saranno loro le persone disturbate e malate che hanno bisogno di un aiuto? Cosa cambia per il resto del mondo se io amo un uomo o una donna? Cosa cambia se c’è un 5-10% della popolazione che ama persone dello stesso sesso, che non è “utile” ai fini riproduttivi e che hanno dei proprio luoghi di aggregazione ed una propria “cultura”?

Io proprio non me ne capacito…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: