Archivi Blog

Ciao Raimondo!!

Stamattina alle sette meno dieci si è spento Raimondo Vianello, un pezzo della tv e del teatro italiano.

Aveva 87 anni, 88 li avrebbe compiuti il 7 maggio.

Ciao Raimondo, ci mancherai!!

Stephen Gately è morto

Il fatto: uno dei componenti della band Boyzone, Stephen Gately, è stato trovato morto due giorni fa nel suo appartamento di Maiorca, in circostanze misteriose.

Man mano che il tempo passa, si chiarisce la dinamica della tragedia… Adesso, la tesi più accreditata è che il cantante sia morto soffocato dal suo stesso vomito, ubriaco fradicio dopo otto ore di baldoria in un night club.

Riflessione: vome si può morire così a 33 anni??

Guerra d’ascolti ad armi impari

…Eppure praticamente vinta da “Dirty Dancing“!! Nonostante il Nostro Sommo Sire si fosse premurato di bandire dalle trasmissioni via Etere tutti i programmi che avrebbero potuto contrastare (in termini Auditel) la sua mistica apparizione a “Porta a porta“, tipo “Ballarò“, “Matrix“… Ecco i risultati di ieri sera:

* Dirty Dancing –> 3.183.000 spettatori;

* Porta a porta –> 3.219.000 spettatori.

Grazie Patrick, addio.

Qui e qui i dati completi.

P.S. Nota che mi ha fatto ridere come uno scemo, presa da Paul, the wine guy.

…Il presdelcons nella sua delirante masturbazione mediatica con il fluffer pieno di nei ha totalizzato…

Paul McCartney è morto

No, nessun altro lutto ha colpito il mondo della musica. Perlomeno, non adesso. Ma nel 1966… Mi spiego meglio. L’informatico Francesco Gavazzeni e il medico legale Gabriella Carlesi sostengono che il Paul McCartney che si vede prima del 1966 non sarebbe lo stesso che si è sempre visto dal 1966 in poi.

E questo confermerebbe la leggenda “P.I.D. Paul is dead”… Cioè che Paul sarebbe morto in un incidente stradale appunto nel 1966 e da allora un sosia avrebbe preso il suo posto. Pare che anche i Beatles stessi lo abbiano detto (in maniera molto velata) con allusioni tipo la copertina di Abbey Road o tramite messaggi incisi al contrario nelle loro canzoni (ari-eccoli i messaggi al contrario)…

E i due scienziati italiani come sarebbero arrivati a determinarlo? Basandosi sull’analisi antropometrica e craniometrica, confrontando, attraverso immagini di repertorio, forma del cranio, dei denti, ecc prima e dopo il 1966.

Ora, io non sono un esperto, ma mi sembra un po’ pochino… Ed in effetti queste analisi non danno certezza ma solo compatibilità. Però se lo dice Wired quasi quasi ci credo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: