Archivi Blog

Cosa succede se fai il bagno nudo in un fiume di Boston?

Beh, cosa vuoi che succeda se ti prendi la libertà di fare il nudista e ti tuffi nel Charles River, nel bel mezzo di Boston?

La polizia ti arresta, ovvio!

Anche se devo dire, che questo tizio non era poi così brutto da vedere…

Si poteva anche lasciar fare…  O no??

“Love is free”, l’amore libero (bloccato dalla Polizia) per pubblicizzare 7camicie

Sabato 18 dicembre le vetrine del negozio 7camicie di Piazzale Cantore, Milano, si sono trasformate in camere da letto e vi si sono esibite in baci e coccole, anche provocatorie, tre coppie (una etero, una gay ed una lesbo) per l’evento “Love is free”.

L’intento ufficiale dello spettacolo è quello nobile di ribadire che l’importante è amare, non importa la preferenza sessuale, e prendere posizione contro ogni pregiudizio e inibizione culturale.

La cosa non è piaciuta a tutti, dato che ad un certo punto è arrivata la Polizia, allertata da segnalazioni del tipo “si sta svolgendo un piccolo gay pride”. Hanno controllato i permessi ed essendo tutto in regola, non hanno potuto far altro che invitare i ragazzi ad essere un po’ meno “spinti”.

Vedendo le foto sul sito di 7camicie in effetti i ragazzi non si sono risparmiati in effusioni amorose, e ci si è messa pure Naike Nayked Rivelli che si è profusa in basi saffici mentre cantava e presentava la sua canzone “I like man”.

Non sei molto credibile se dici che ti piacciono gli uomini e poi baci le ragazze. E la bella Naike non è molto credibile nemmeno come cantante: nonostante il video del singolo sia molto bello, mostra tutte le sue doti (e che doti, cazspita) fuorché il belcanto.

Ma speriamo in un secondo singolo migliore.

Tornando invece al controverso evento “Love is free”, secondo voi cos’è più grave: il fatto che sia stato utilizzato il sesso per pubblicizzare delle camicie mascherando il tutto con un intento nobile, o il fatto che ancora in Italia basta vedere due ragazzi che si baciano per scandalizzarsi e censurare?

Distrutta la Lambo della Polizia

Non posso guardare, mi vien da piangere… :'(

Poliziotta discriminata: da vittima a carnefice?

luana-zanagaRicordate Luana Zanaga, la poliziotta che rischiava la sospensione dal servizio per aver fatto coming out in televisione (a Niente di personale su La7, qui trovate il video)?

Bene, adesso viene fuori che ha molestato sette (e dico sette!!) donne… Telefonate, sms, pedinamenti, “maneggiamenti” della pistola d’ordinanza davanti alle donne-parti-lese… Non so se si può parlare di stalking, fatto sta che ieri c’è stata la prima udienza del processo a carico della poliziotta.

Il carnefice che si finge vittima? Andiamo bene…

Soldato con orgoglio

20090727_5733_james1Un soldato omosessuale dell’esercito britannico in copertina su Soldier, il magazine interno dell’arma, con tanto di scritta Pride che spicca tra tanti altri valori. Potrebbe succedere anche in Italia, no? Seeee, lallero. Ve lo immaginate un poliziotto che schecca sulla copertina di PoliziaModerna?

In Italia non succederà mai… Anzi, una poliziotta l’hanno sospesa dal servizio perché lesbica, ed intorno ad un’altro hanno alzato un polverone della madonna perché aveva sfilato in divisa

Per consolarci (o per sformare di non essere inglesi) leggetevi qui l’intervista a James Wharton, il soldato in questione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: