Archivi Blog

Gli stipendi d’oro dei personaggi tv

soldiSoldi soldi e ancora soldi… Lo sappiamo tutti che nella Tv italiana il Paperon de’ Paperoni è Gerry Scotti: nel 2005 ha dichiarato ben 4.417.000 euro!! Invece Paolo Bonolis si è intascato un milione di euro per la direzione artistica del Sanremo 2009, mentre la povera Antonellina Clerici si dovrà accontentare solo della metà per la prossima edizione della kermesse canora.

Ma in questi giorni la polemica impazza per gli stipendi Rai, sopratutto su quello di Bruno Vespa, sul cui rinnovo di contratto (con compenso aumentato da 1.200.000 a 1.600.000 €) il CdA Rai ha messo il veto.

Ma tutti gli altri colleghi del Vespone, quanto guadagnano? Ecco alcuni nomi (e relativi stipendi)  secondo il settimanale Gente.

Fabio Fazio –> 2.185.000 euro
Simona Ventura –> 1.800.000 euro
Milly Carlucci –> 1.200.000 euro
Carlo Conti –> 988.000 euro
Serena Dandini –> 710.000 euro
Michele Santoro –> 650.000 euro
Daria Bignardi –> 650.000 euro
Lamberto Sposini –> 600.000 euro
Giovanni Floris –> 350.000 euro

Invece la povera Lucia Annunziata non arriverebbe nemmeno a 150.000 euro, prende solo 8.000 euro a puntata…

Fonte: TvBlog.

Stipendi in Italia? Tra i più bassi della Ue

“Gli italiani incassano ogni anno uno stipendio che è tra i più bassi tra i Paesi Ocse. Con un salario netto di 21.374 dollari, l’Italia si colloca al 23° posto della classifica dei 30 paesi dell’organizzazione di Parigi. Buste paga più pesanti non solo in Gran Bretagna, Stati Uniti, Germania, Francia, ma anche Grecia e Spagna. É quanto risulta dal rapporto Ocse sulla tassazione dei salari, aggiornato al 2008 e appena pubblicato.

La classifica riguarda il salario netto annuale di un lavoratore senza carichi di famiglia. É calcolato in dollari a parità di potere d’acquisto. Gli italiani guadagnano mediamente il 17% in meno della media Ocse. Salari italiani penalizzati anche se il raffronto viene fatto con la Ue a 15 (27.793 di media) e con la Ue a 19 (24.552)”.

Quindi alla fin fine i più penalizzati sono i singles! Mentre per le famiglie numerose, i pensionati, i portatori di handicap, i pastori della Patagonia e le levatrici dell’associazione Alpini del Sahara c’è sempre qualche facilitazione fiscale a cui fare appello, per i poveri singles non c’è mai niente… A loro nessuno pensa!!

Basta! Facciamoci senitre, cazzo!!

E nel frattempo destra e sinistra si rimpallano la colpa a vicenda

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: