Archivio mensile:aprile 2015

Big As Madonna

Ancora non l’avete capito? Madonna è Madonna, a 20, 40 o anche a 60 anni.

E fa sempre ciò che vuole.

Non so se vi ricordate, ma lei è quella che ha fatto il libro di fotografie erotiche SEX, che era inappropriato pure all’epoca, anche se se lo poteva permettere alla grande.

Figuriamoci se adesso che la vecchiaia l’ha fatta rincoglionire si trattiene!

E allora eccotela lì, vestita come una ragazzina che scorrazza per lo studio di Jimmy Fallon cantando “Bitch I’m Madonna” o sul palco di Coachella a dimenarsi sulle note di “Human Nature” e “Hung Up” per poi slinguazzarsi (e mordere) Drake.

Diciamo la verità: se lo può ancora permettere, perché non appariva così giovane da 10 anni a questa parte, ma è un comportamento inappropriato per una pop star della sua età?

NO! Ma che diamine, sempre di una pop star di fama mondiale stiamo parlando! La Regina del Pop (è sempre lei, non si discute o vi banno), mica di mia madre o una qualsiasi casalinga di mezza età.

Quindi, se la volete seguire, questo è, altrimenti ascoltatevi Taylor Swiffer.

E poi dai, quando ha voglia fa ancora delle cose meravigliose.

I always thought I was better than this

Ci sono canzoni che nel bene o nel male ti segnano la vita.

O almeno, per me è stato così con Darkness (video sopra), I Like The Way ed in generale tutto The Thension And The Spark di Darren Hayes.

Prima li ho usati per capire, poi per sfogarmi (piangendo come se non ci fosse un domani) ed infine sono diventati un appiglio, una speranza ed una motivazione a far cambiare le cose. Tutto questo circa dieci anni fa, in un momento, si sarà capito, non proprio felice della mia vita. Che però è stato anche un punto di svolta.

Proprio perché le cose cambiano, tu pensi di aver fatto dei passi avanti, di esserti evoluto. Ed invece no, riascolti quella canzone e ripiombi nella disperazione… Forse perché non ti sei mosso di una virgola?

Poi ci ripensi e capisci che ci sono dei momenti in cui senti proprio un bisogno viscerale di riascoltare quella stramaledetta canzone, come se fosse un porto sicuro della fustigazione mentale. Ed in realtà è proprio così, non c’è un motivo reale per disperarsi. Quelle canzoni, così tristi e cupe ritornano alla loro funzione primaria: farti sfogare.

E quindi… Grazie ancora Darren.

Turning pages over, run away to nowhere

And it’s hard to take control when your enemy’s old and afraid of you

You’ll discover that the monster you were running from is the monster in you

Better to hold on to love, change will come

Ecco va, attacchiamoci all’amore che quello per fortuna non manca.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: