Archivi categoria: Sport

Dieux Du Stade 2011

A parte Denis Dallan di cui sopra, che purtroppo non mostra niente, ecco a voi direttamente dal calendario dei Dieux Du Stade Français (e non solo) 2011… I manzi col pipi al vento!

Tutte le foto qui.

Annunci

Il calendario del Naked Power Yoga

Il Power Yoga è sicuramente una disciplina interessante; io l’ho fatto per quasi 4 anni e devo dire che alla fine sono riuscito pure ad avere un minimo di equilibrio (cosa impensabile prima) e, se univo alle lezioni pure un po’ di corsa, un fisico semi-decente. Ti snodi nei modi più impensabili e scopri di avere muscoli dove pensavi non fosse possibile. Il tutto a tempo di musica; e quando hai un’insegnante che ti mette le canzoni di Darren Hayes, beh, la vita ti sorride anche quando devi andare in palestra! Ho smesso solo perché adesso ho iniziato le lezioni di canto che svuotano già abbastanza il mio portafoglio.

Il Naked Power Yoga mi mancava e forse sarebbe ancora più interessante praticare questa variante ignuda, ma bisognerebbe avere i giusti compagni di corso…

Se volete, sul sito ufficiale del NPY (??) si può comprare il calendario realizzato da Peter T. Green per sole 19 £; ma intanto gustatevi il video di presentazione.

É ufficialmente Vuvuzela mania (o fobia)

Vi sembro uno che guarda i Mondiali? No, ve lo dico subito. Mai visto una partita quest’anno, e dello scorso Mondiale guardai la finale giusto perché c’era l’Italia… Però, pur essendo totalmente a digiuno di Coppa del Mondo, ‘ste vuvuzelas mi hanno già sfrantumato la minkia…

Vi giuro che lunedì sera, prima partita dell’Italia, nel mio giardino si sentiva questo fastidioso ronzio provenire dalle tv di tutto il vicinato… Ed io, ignaro dell’esistenza di questo aggeggio infernale, mi sono rifugiato in casa perché pensavo che fosse in corso un’invasione di api assassine.

E chiunque tu senta a tal proposito, ti dice che questi cosi sono maledettamente fastidiosi. Tanto che la Bbc sta seriamente considerando di trasmettere le partite sudafricane con il doppio audio: in presa diretta dallo stadio o con il solo commento del telecronista, vuvuzelas-free diciamo.

Ma poi scopri che a Milano vanno a ruba, che c’è un sito che te lo spara nelle orecchie anche mentre navighi sul web e pure un giochino che ti mette alla prova e testa quanto riesci a resistere all’orribile suono prima di mangiarti le casse del pc come nella pubblicità della Tuc

Oppure per 2,95 € vi comprate un simpaticissimo filtro anti vuvuzelas… Fatemi sapere se funziona!!

EDIT: Ho scoperto da dove sono state prese le vuvuzelas…

David Beckham nudo in una vasca da bagno

Nella foto sopra potete ammirare David Beckham e James Corden nudi in una vasca da bagno.

No, purtroppo David non è stato beccato insieme ad un altro uomo in atteggiamenti intimi e costretto a fare outing forzato da questo scatto. Altrimenti avrebbe fatto tutta un’altra faccia, solo a pensare agli strilli di Victoria.

L’immagine è stata scattata durante lo shooting di uno sketch dello Sport Relief della BBC, protagonisti proprio il calciatore preferito dagli omoricchioni (Insy TM) di tutto il mondo e l’attore inglese pluripremiato ma che io dall’alto della mia ignoranza non conoscevo nemmeno.

James ha candidamente dichiarato poi:

Mi è rimasta una gran voglia di leccarlo…

Poteva dire molto di peggio, in effetti… :-)

Love equals football

Puma ha appena lanciato la campagna pubblicitaria “Love equals football“, con uno spot intelligente che (nella versione inglese) usa “Truly Madly Deeply”.

É la prima volta che i Savage Garden concedono l’autorizzazione per le loro canzoni da utilizzare in questo modo. Per ironia della sorte, sarebbe potuto non accadere. Quando la compagnia mi ha contattato inizialmente per poter utilizzare la canzone, credo che le esatte parole che pensai sono state “Per l’inferno, no!!”.

Il direttore era apparentemente sconvolto per il fatto che avevamo detto di no e mi cercò per spiegarmi la sua visione dell’idea. Ha capito che l’immagine di un gruppo di hooligans ubriachi che cantano la nostra canzone alle loro mogli e/o fidanzate, probabilmente non è delle più lusinghiere. Tenete a mente, noi siamo sempre stati consapevoli del fatto che il valore di una canzone è il ricordo che il tuo pubblico collega ad essa, e non nel guadagno facile e rapido che si potrebbe
avere cedendola a chiunque te la chieda.

Nel corso degli anni ci sono state richieste ridicole per utilizzare alcuni delle mie/nostre canzoni. La richiesta per “I Want You” come canzone per un famoso pollo fritto è stata forse la più strana. Come potete immaginare, siamo abituati a dire “No”.

Ma quando il regista mi ha mostrato alcuni filmati di prova che aveva girato con dei veri calciatori che cantavano la canzone, ho capito subito. Sono stato toccato.

Penso che quello che mi è piaciuto fosse il fatto che il brano risplenda come un’universale canzone d’amore. In quanto pubblicità, è ovviamente molte cose. Brutta. Divertente. Sincera. Ilare. Ma stranamente commovente.

Guardando il filmato di prova, ho realizzato che in realtà questo è stato davvero un complimento per l’attrattiva universale della canzone. In questo pub, questi uomini cantano la canzone, ma in realtà è un’abbreviazione del dire “Ti amo”. Non importa chi sei o da dove vieni, si tratta di dire “Ti amo”.

Sia Daniel che io abbiamo pensato che fosse un’idea giusta e sorprendente per tutti, che noi dicessimo si. Lo spot finito ancora mi fa crollare, mi fa ridere e allo stesso tempo mi commuove.

E sono davvero orgoglioso del fatto che una canzone possa fare tutto questo…

Darren Hayes

C’è anche la versione italiana, fatta usando “Ti amo” di Umberto Tozzi.

Non c’è bisogno che dica qual è la mia preferita… :-)

Matt dive gold

É il momento d’oro di Matthew Mitcham. Anche se, ai Mondiali di Nuoto di Roma di quest’anno, si è dovuto accontentare di una sola medaglia di bronzo,  il giovanotto ha di che andare fiero.

Carriera straordinaria nel mondo dei tuffi, iniziata a soli 11 anni e arrivata all’apice con la vittoria dell’oro a Pechino nel 2008. Per celebrarlo, quello stesso anno, le Poste Australiane hanno emesso un francobollo con la sua faccia.

E adesso invece, si è appena inaugurata al LipanjePuntin artecontemporanea di Roma la mostra Matt dive gold, aperta fino al 30 settembre (agosto chiuso purtroppo). Mostra collettiva di 20 artisti provenienti da Australia, Canada, Iran, Italia, Giordania, Macedonia, Malta, Olanda, Spagna e Stati Uniti i cui lavori hanno come unico soggetto il nuoto, i tuffi e sopratutto Matthew.

E bravo Matt!! ;-)

matthew_mitcham3

Uso privato di un mezzo pubblico

untitled

É quello che mi sto apprestando a fare. Ho bisogno di un consiglio (un altro? Ecchepalle!!) e nessun “luogo” è migliore di questo perché posso disporre di uno dei maggiori esperti in fatto di corsa e tutto quello che le ruota attorno. Itboy. Ieri sera la mia istruttrice di Power Yoga mi ha infamato pesantemente quando ha visto le scarpe con cui mi apprestavo a battere il tapis roulant, quindi urge l’acquisto di un paio che si possano definire da corsa. Segni particolari: le più economiche!! :-)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: